MENU
SUCCEDE AL MUSEO...

Menu di sezione

 
ART TRAILER 2017
ART TRAILER 2018
 

Contenuto della pagina

Art trailer

 
 

ART TRAILER
Se fosse una canzone...

 
ART TRAILER – SE FOSSE UNA CANZONE…
5 CORTI PER NUOVE LETTURE DEL PATRIMONIO

III EDIZIONE
2019
 
 
Un percorso di avvicinamento alle collezioni del museo attraverso un approccio peer-to-peer.
Come vedono gli adolescenti il museo? Come lo vorrebbero?
Che cosa potrebbero fare per il museo?......e il museo per loro?

Da questi ed altri interrogativi, dettati dalla consapevolezza che gli adolescenti spesso percepiscono i musei come realtà distanti e difficilmente appetibili, ha preso il via il progetto che ha coinvolto per quasi 15 giorni i ragazzi della 3E del Liceo Calini.

Partendo dalla constatazione inoltre che per gli adolescenti conta molto di più il punto di vista dei coetanei rispetto a quello degli adulti, viene adottato un approccio innovativo, peer-to-peer, da pari a pari.
 
Attraverso momenti di interazione, scambi di opinioni e idee, gli studenti coinvolti arrivano ad instaurare un rapporto diretto con le opere del museo, facendole proprie e comunicandole poi ai coetanei attraverso linguaggi a loro congeniali.

Il progetto, giunto quest'anno alla sua seconda edizione, ha portato alla produzione di 5 trailer oltre ad un interessante video di backstage girato dal film maker Nicola Zambelli.

Il progetto, a cura di Fondazione Brescia Musei con il Liceo scientifico A. Calini e l’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Brescia giunge nel 2019 alla sua terza edizione con un focus sul Castello di Brescia.

Giovedì 23 maggio, alle ore 19.00, una serata dedicata al Cinema Nuovo Eden, per la presentazione dei 5 trailer che raccontano il Castello di Brescia da un punto di vista nuovo e insolito.

Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili


 

Il progetto di alternanza scuola – lavoro Art-Trailer – Se fosse una canzoneEDIZIONE 2019
 


La forma scelta come ‘facilitatore’ nella fase di approccio e racconto della collezione museale è stata il trailer, per le potenzialità insite nel linguaggio cinematografico per tradurre l’approccio empatico chiesto ai ragazzi: i ragazzi sono stati così invitati a realizzare un breve corto, della durata di pochi minuti, che raccontasse la loro esperienza al museo. Come strumento per le riprese si è chiesto loro di utilizzare lo smartphone, un dispositivo che ormai fa parte della quotidianità di ciascuno e con cui gli adolescenti hanno molta familiarità. 
Al termine del progetto sei sono stati i lavori che hanno visto la luce, cinque trailer che raccontano il Castello di Brescia da un punto di vista nuovo e insolito.